Chanel n. 5

Chanel n. 5

Chanel n. 5

 

Matrilineari Monroe testimonialPare che il 5 fosse il suo numero portafortuna. Mademoiselle Coco Chanel presentava le proprie collezioni il quinto giorno del mese (o il quinto mese dell’anno). Il campione da laboratorio che scelse fra tanti e che divenne poi la fragranza che ha cambiato per sempre la storia del profumo pare fosse il numero 5. E Chanel n. 5 divenne il nome (in realtà il numero) del profumo più conosciuto di tutti i tempi. Il flacone che contiene la fragranza è lo stesso da sempre. Solo qualche ritocchino nel corso degli anni per mantenerlo moderno. Ritoccato 6 volte. Ogni 10 anni. Dal 1959 si trova esposto tra le collezioni di arte permanente al Moma di New York oltre ad essere stato immortalato in una serie di serigrafie dal maestro Andy Warhol. È stato il primo vero profumo, così come la storia moderna intende le fragranze. Non un unico fiore bensì 80 differenti note fiorite. Il primo profumo “astratto”. Ben 13 le testimonial che hanno prestato la propria immagine al profumo. prime fra tutte proprio Mademoiselle Chanel, immortalata da Francois Kollar nel 1937 in una magnifica Suite Dell’ Hotel Ritz per una campagna stampa pubblicata su Harper’ Bazaar. Si è conclusa lo scorso 5 giugno al Palais de Tokio di Parigi una mostra che ne ha celebrato il mito e l’essenza artistica e fuori dal tempo attraverso opere di Picasso, Cocteau, Apollinaire.

La moda è la mia passione da sempre. Seguirla, mi ha portato a diventare una fashion designer. Mi occupo di immagine e stile ogni giorno, accompagnando giovani talenti a trovare la giusta strada per prendersi cura della propria creatività. GlitMagazine vuole dare voce a tutti loro.

Be first to comment