New York Fashion Week – Parte III

image

Danielle Sherman trova ispirazione nelle palette neutre dei grigi, dei crema e dei caramello, proseguendo nella mission del brand Edun che si propone di sostenere e supportare l’economia del continente africano, producendovi abiti ed accessori. Ed è proprio grazie ad una visita agli archivi del museo parigino di Quai Branly che la designer ha potuto entrare in contatto con tessuti originali del continente antecedenti il 1800.
E se un’ispirazione proprio la vogliamo trovare conviene guardare proprio all’Africa.
Si concentra sulle texture e sui materiali e la loro sperimentazione, la collezione proposta per il prossimo autunno/inverno.
Molti interventi materici e manipolazioni di differenti tessuti arricchiscono una tendenza sporty, sottolineata anche dalla scelta di mettere ai piedi delle modelle confortevoli sneaker di pelle Stan Smith.
Pantaloni gradevolmente oversize in color cammello, grigio, nero e lana avorio.
Dettagli di pelliccia rendono i look sofisticati e glamour.

image

image

image

image

È una donna moderna e femminile quella proposta da Sofia Sizzi, designer del brand Giulietta, che dopo una decennale esperienza professionale per nomi prestigiosi quali Gucci, Calvin Klein e Donna Karan, propone la sua prima collezione per il prossimo autunno/inverno.
Ed è evidente anche il suo amore appassionato per le dive dei film degli anni ’60, da Monica Vitti a Catherine Deneuve.
Tute intere costruite per sembrare abiti, lasciano intravedere una ricerca sartoriale ed una sapiente costruzione. Meravigliosa in versione blu con pannelli di colore a contrasto che segnano la vita, incastri geometrici che la fanno apparire altro da ciò che è.

image

image

image

Un contesto sporty quello in cui propone la propria visione della donna del futuro il designer newyorkese Jonathan Simkhai, che fonde un’allure sexy e sfrontata ad un richiamo al mondo delle divise sportive.
Membro del CFDA, incubatore a supporto delle giovani generazioni di designer che seleziona ogni anno 10 nomi di giovani promettenti e li aiuta nello sviluppo del proprio brand.
Geometrie e dettagli rubati alle divise maschili vestono una donna sexy e cosmopolita.
Una palette cromatica fatta di blu, neri e grigi scuri intervallati da dettagli color cuoio. Coccodrillo e tessuti stampati a simularne l’effetto rendono luxury una tenuta volutamente sporty.

image

image

image

Photo: Style.com

La moda è la mia passione da sempre. Seguirla, mi ha portato a diventare una fashion designer. Mi occupo di immagine e stile ogni giorno, accompagnando giovani talenti a trovare la giusta strada per prendersi cura della propria creatività. GlitMagazine vuole dare voce a tutti loro.

Be first to comment