New York Fahion Week P/E 2015 – Parte III

image

La ballerina Agnes de Mille ed il suo celebre ed unico movimento e la fotografia di Louise Dahl-Wolfe ispirano la collezione presentata a New York da Michael Kors, stilista 100% Made in USA, sempre più popolare anche in Italia.
Una collezione che guarda ai volumi e al benessere economico e non solo degli anni ’50 e al grande boom.
Un ottimismo che da sempre contraddistingue la filosofia e l’approccio alla moda del brand americano.
Fiori applicati e ricamati su strati di tulle evanescente, tocchi di giallo limone agitano i cromatismi neutri e tranquilli, tipici di Kors.
Una sana iniezione di fiducia e semplicità.

image

image

image

Elizabeth and James, la linea giovane ed easy proposta dalle gemelle Ashley e Mary-Kate Olsen (già designer per The Row), è un inno al rigore ed alla sobrietà.
Influenza estetiche dalla West Cost ed in particolare dalla Città degli Angeli (L.A.) e dallo stato della California.
Volumi asciutti, total look frequentemente monocromi, sandali ultra piatti.
Lunghezze midi per gonne e gonne-pantaloni, tute intere in total black o total white assolutamente rigorose e sofisticate.

image

image

image

Dopo la collaborazione del 2013 per la realizzazione del libro a quattro mani dal titolo “Gilles Mendel by Enoc Perez”, che raccoglie una serie di collage dei lavori di Mendel (il designer) creati da Perez (l’artista) da questa nuova esperienza non poteva che nascere una collezione interessantissima.
Blocchi di colore ma anche stampe e grafismi che richiamano l’Action Painting di Hans Hartung.
Nero, grigio, bianco, giallo.
Silhouette asciutte e pulite ma al tempo stesso dinamiche ed accattivanti, grazie alla costruzione dei capi che dedica grande attenzione all’uso artistico del colore.

image

image

image

La moda è la mia passione da sempre. Seguirla, mi ha portato a diventare una fashion designer. Mi occupo di immagine e stile ogni giorno, accompagnando giovani talenti a trovare la giusta strada per prendersi cura della propria creatività. GlitMagazine vuole dare voce a tutti loro.

Be first to comment