Milano Moda Uomo

image

La moda uomo si sposta da Firenze a Milano, con il via di sabato 11 gennaio alla settimana della moda maschile nel capoluogo lombardo, per le presentazioni delle collezioni autunno/inverno 2014/15.
Interessante esordio quello del giovane svizzero Julian Zigerli che sfila, per volontà e scelta dello stesso maestro Giorgio Armani presso l’Armani teatro.
Un uomo dallo stile pulito a tratty sporty che trae ispirazione dalla natura e dalla sua perfezione. Capi tecnici e pratici accompagnati e sapientemente mixati con stampe sperimentali e molto moderne. Colore, positività e un pizzico di humor caratterizzano la collezione del giovane, laureato presso l’ Università dell’Arte di Berlino.
Collaborazione proficua ed interessante per lo sviluppo della collezione, quella con il gruppo parigino di artisti grafici, Golgotha. Complesse strutture multistrato che prendono vita proprio grazie all’incontro delle personalità del giovane stilista e del trio francese.

image

image

Altro interessante esordio quello della collezione maschile del riminese Massimo Giorgetti con MSGM, che presenta in queste giornate milanesi un uomo manifesto di onestà.
Capo simbolo del brand la felpa, nuova nelle sue maniche corte o 3/4 che lascia intravedere a contrasto le maniche di camicie stampate o ricamate.
Pantaloni super-slim accompagnati a giacche tuxedo contrastano con bomber e parka decisamente oversized.
Un moderno combattente urbano, sfacciato ed impertinente nell’uso, apparentemente abuso, di stampe e pattern a contrasto.
Bomber destrutturati saranno il simbolo (non solo del brand) dell’uomo del futuro. Maniche a contrasto e tessuti tweed reinterpretati li rendono moderni e di tendenza. Caban in tessuto tecnico e parka sportivi si susseguono rievocando l’universo British da cui nascono.
Un uomo che sperimenta senza lasciarsi troppo condizionare dai trend. Anzi, appropriandosene e giocandoci a proprio gusto.

image

image

Alessandro dell’Acqua con N.21 debutta invece alla Biblioteca Nazionale durante le giornate del Salone fiorentino.
21 look in passerella, a metà strada tra sportswear e casual sartoriale danno vita a ciò che lui stesso ama definire “eccentrica attrazione”.
Un moderno signorino perbene che indossa maglioni dalle macro trecce a tratti handmade, dove il guardaroba maschile incontra quello femminile.
Dove la voglia di sperimentare nuove soluzioni estetiche incontra il tentativo di mantenere il borghese equilibrio di chi alla moda è attento e dedica uno sguardo curioso.
Felpe e maglie jaspè realizzati con filati insoliti si accompagnano a tessuti stampati rubati al mondo dell’arredo. Presente con una certa forza il tartan fatto di flanelle dai colori classici e rassicuranti.
Richiami al mondo equestre per stampe realizzate con ricami di micro-paillettes su bomber e felpe.

image

image

Sono infine i super-eroi ad ispirare la passerella di John Varvatos.
Una silhouette asciutta ed elegante si accompagna a biker-boots, dal richiamo fortemente rock.
Jeans in pelle elasticizzata portati con giacche in seta dal taglio sartoriale. Bagliori metallici come accenti sui capi aggiungono luce all’atmosfera notturna, a tratti dark della collezione. Una tavolozza cromatica fatta di neri e grigi che si evolvono in toni di bianco sporco e cream.
Un omaggio evidente allo storico e universalmente conosciuto gruppo rock dei Kiss.
Un uomo sicuro di se’, che non ha paura di osare e di mostrare al mondo la propria personalità. Un maschio moderno che pur rievocando atmosfere a tratti gotiche cede poi inaspettatamente, innamorandosi di un doppiopetto bianco, in inverno.
Un po’ dandy, un po’ rockstar!

image

image

image

La moda è la mia passione da sempre. Seguirla, mi ha portato a diventare una fashion designer. Mi occupo di immagine e stile ogni giorno, accompagnando giovani talenti a trovare la giusta strada per prendersi cura della propria creatività. GlitMagazine vuole dare voce a tutti loro.

Be first to comment