London Fashion Week P/E 2015 – Parte II

image

E’ la collezione che più di tutte rappresenta le origini del designer Juan Carlos Obando. Interamente ispirata alla Colombia, suo paese natale, si compone di abiti dalle tinte pastello o comunque delicate, in cui la femminilità è messa in evidenza da volumi romantici e sognanti.
Linee fluide che accarezzano il corpo come mani di seta, in cui i toni di colore richiamano la terra della regione de La Guajira.
Pervinca tenue, cipria e corallo introducono sul finale stampe animalier che caricano di energia una collezione interessante e rilassata.

image

image

image

image

Esagerata e poetica la proposta per la prossima primavera/estate di Antonio Berardi, che trova la sua ispirazione nel film ” I fiori della guerra”, in cui il protagonista di finge un missionario americano per difendere e portare in salvo alcune giovani donne cinesi minacciate dai giapponesi, durante il terribile massacro di Nanchino del 1937.
Un’ispirazione forte e politicamente impegnata, che coglie però la volontà di lasciare intravedere la delicatezza e l’innocenza dei ricordi dell’infanzia.
Costruzioni sartoriali e volumi scultorei si accompagnano a stampe e tessuti jacquard dove macchie di colore diventano protagoniste riproducendo meravigliosi fiori al limite dell’astrazione.
Sperimentazioni soprattutto per spalle e maniche che acquisiscono forza e sembrano vivere di vita propria.
Finiture e dettagli luminescenti, ricami e pietre applicate rendono i capi preziosi e ricercati.

image

image

image

image

E’ un vero e proprio giardino botanico, quello proposto per la passerella da Erdem. Felci, muschi, fiori esotici e piume diventavano protagonisti indiscussi della prossima stagione estiva.
In questo caso l’ispirazione arriva dalla botanica e biologa Marianne North.
L’aspetto selvaggio ed incontrollabile della natura si trasforma in stampe e ricami quasi ridondanti.
Piume e applicazioni caricano abiti, gonne e top come se volessero contaminare il mondo.

image

image

image

image

Photo on web

La moda è la mia passione da sempre. Seguirla, mi ha portato a diventare una fashion designer. Mi occupo di immagine e stile ogni giorno, accompagnando giovani talenti a trovare la giusta strada per prendersi cura della propria creatività. GlitMagazine vuole dare voce a tutti loro.

Be first to comment