A Milano un “Autunno Americano”

Rothko - Pollock - Kline

Rothko – Pollock – Kline

Mentre gli Stati Uniti dedicano all’Italia un ‘intero anno di manifestazioni ed eventi culturali nell’ambito di “Italy in US 2013”, Milano ricambia con un autunno di mostre a stelle e strisce.
Se la National Gallery di Washington espone il David-Apollo di Michelangelo, capolavoro del Bargello, Milano risponde, a quasi un anno di distanza, con un omaggio ai maestri dell’arte americana dei tumultuosi anni dal 1931 al 1966 con la mostra “Pollock e gli irascibili” , dal 24 settembre a Palazzo Reale. Dal 24 ottobre è la volta di un artista divenuto esso stesso icona degli Usa nell’immaginario collettivo: Andy Wharol dalla collezione di Peter Brant. Per gli appassionati di scienza invece, dal National Museum of Natural History di New York, approda al Museo di Storia naturale una mostra che illustra, con un approccio scientifico-divulgativo di stampo tipicamente americano, i misteri del cervello umano.
Ricerca — Scoperta — Innovazione sono i temi conduttori del calendario degli eventi dell’anno della cultura italiana in Usa dove simposi, mostre, convegni e concorsi celebrano le eccellenze del Bel Paese, con una particolare attenzione alle nuove generazioni, ai giovani talenti che scriveranno le pagine della cultura italiana del futuro. Ah che bello!
Se ormai da anni attendevamo trepidanti l’arrivo di Pollock a Milano, giusto per farci schiaffeggiare dalle sue frustate di colore, sperando in un, almeno momentaneo, risveglio da decenni di torpore culturale, immediatamente torniamo in noi riproponendo un trito e ritrito Wharol dopo la Triennale del 2004/5 e l’appena conclusa esposizione del Museo del Novecento. Ma in fondo un Wharolino ci sta sempre no? Per quanto riguarda la mostra sul cervello, se ne sentiva davvero il bisogno, visto che i nostri sono fuggiti tutti all’estero. Per ora attendiamo le aperture e ..staremo a vedere, pronti a ricrederci e rimangiarci quanto appena scritto.
AP

Sono una storica dell'arte, studio i tessuti antichi, la storia della moda, del costume e del gusto. Insegno da 6 anni queste discipline. Seguo i giovani talenti che nascono, crescono e prendono il volo. GlitMagazine è il luogo dove tutte queste esperienze si uniscono nella mia vera passione, la scrittura.

Be first to comment